NOVA opera in piena collaborazione con International Adoption 

Bomboniere solidali 2019

Clicca qui per saperne di più 

Il percorso adottivo

Il percorso adottivo

La coppia che abbia intenzione di adottare un bambino deve presentare la propria disponibilità all’adozione al Tribunale dei Minori. Può essere depositata la disponibilità all'adozione nazionale, all'adozione internazionale o per entrambe.

Il Tribunale valuta l’idoneità della coppia ad adottare un minore italiano e/o straniero.

L’adozione nazionale è gestita direttamente dal Tribunale dei Minori e non prevede l’emissione del decreto di idoneità.

Per quanto riguarda l’adozione di un bambino straniero, invece, la coppia è tenuta a rivolgersi ad un ente autorizzato, in grado di fornirle una formazione adeguata ed il sostegno nell’iter adottivo sia in Italia che all’estero.

In Italia esistono oltre 70 Associazioni autorizzate all’adozione internazionale,  NOVA è una di queste.

L’Associazione mantiene contatti costanti nei paesi stranieri sia con istituti che garantiscono estrema correttezza ed onestà sia con le Autorità Centrali preposte all’adozione.

Alla fine del corso propedeutico all’adozione, viene definito il paese in cui si perfezionerà l’adozione alle coppie che abbiano ottenuto il decreto di idoneità del Tribunale dei Minori e conferito l’incarico all’associazione.

 NOVA fornisce alla coppia l’elenco dei documenti richiesti dal paese straniero. Il dossier viene predisposto dalla coppia con la consulenza del NOVA, che si incarica di trasmetterlo, attraverso il suo rappresentante all'estero, all’ente straniero preposto alle adozioni internazionali.

Il bambino viene segnalato dal Tribunale, da Istituti Statali o Religiosi e viene abbinato alla coppia dall’Autorità Centrale solo dopo che ne sia stato accertato l’effettivo stato di abbandono (fisico e giuridico).

L’età dei minori varia da 1 a circa 11 anni; spesso vengono segnalati anche gruppi di fratelli.

Tutte le informazioni disponibili riguardanti il vissuto del bambino (salute, storia familiare, ecc.) vengono comunicate ai futuri genitori adottivi garantendo la massima trasparenza.

L'educazione interculturale, pur attivando un processo di acculturazione, valorizza le diverse culture di appartenenza. Compito assai impegnativo, perchè la pur necessaria acculturazione non può essere ancorata a pregiudizi etnocentrici. I modelli della "cultura occidentale", ad esempio, non possono essere ritenuti come valori paradigmatici e perciò non debbono essere proposti agli alunni come fattori di conformizzazione.

(Ministero della Pubblica Istruzione, Circolare Ministeriale 205/90)

Copyright © 2016 Associazione NOVA Onlus. Tutti i diritti riservati.
Parco Culturale "Le Serre" Via Tiziano Lanza, 31 Grugliasco 10095 (Torino).
Telefono +39 011 7707540 - Fax +39 011 7701116 - Email segreteria@associazionenova.org
Codice fiscale 97512040011.
Sviluppo e progetto grafico di Giulio, Modibo e Andrea.

Cerca